Domenica, 18 Ago 2019, 14:18
Welcome Guest | RSS
 
Home DMCA Copyright Disclaimer BlogIscrivitiLog InSupport Ticket
Blog » 2015 » Aprile » 14 » #M5S Il triangolo amoroso: adesso Bando di Gara Europeo per ANAS!
13:02
#M5S Il triangolo amoroso: adesso Bando di Gara Europeo per ANAS!

Il triangolo amoroso: adesso Bando di Gara Europeo per ANAS!

Foto pilone autostrada Palermo-Catania che ha ceduto dopo frana - DA ANSA PALERMOOggi siamo intervenuti in aula (dal minuto 1:00) per chiedere al governo un bando di gara pubblico europeo per la gestione dell’ANAS (e non procedere alle solite nomine politiche) per individuare una persona che non abbia mai messo, prima d’ora, le mani nella marmellata delle autostrade italiane.

Il governo regionale (che va a braccetto con quello nazionale) fa finta di non sapere! DOPO l’ENNESIMO CROLLO infatti il governo centrale assurdamente dichiara che non sapeva nulla dei disagi siciliani in termini di infrastrutture.

In questi anni abbiamo presentato al governo diverse proposte:

1. n. 2 Emendamenti al decreto legge n. 69/2013 (decreto del Fare: emend. 1 ed emend. 2) sono due emendamenti con i quali si intendeva inserire espressamente degli interventi relativi alle infrastrutture siciliane tra quelli finanziabili con il fondo sblocca cantieri istituito con lo stesso articolo 18 del decreto del Fare. Non approvati.

2. Emendamento alla legge n. 147/2013 (legge di stabilità per il 2014): Con questo emendamento si voleva modificare la disposizione contenuta nella legge di stabilità escludendo la possibilità di utilizzare le somme stanziate per la realizzazione di nuove opere e vincolando queste stesse somme al rifinanziamento del programma di interventi di manutenzione straordinaria di ponti e viadotti dell’ANAS. Non approvato.

3. Ordine del giorno riferito alla legge n. 147/2013 (legge di stabilità per il 2014): Con l’ordine del giorno si chiedevano impegni relativi alla rendicontazione e alla pubblicità dello stato di avanzamento del programma di manutenzione straordinaria di strade e viadotti dell’ANAS, alla piena conoscibilità delle risorse disponibili, con la pubblicazione di relazioni sullo stato di avanzamento dei singoli interventi. Accolto.

4. Interrogazione a risposta scritta al Ministro delle Infrastrutture: Con l’interrogazione si chiedevano notizie del crollo del Viadotto Petrulla sulla SS 626 ponendo al governo la necessità di dotarsi di sistemi di monitoraggio e controllo sulla stabilità delle infrastrutture, e di prevedere nelle convenzioni con l’Anas continue e regolari attività di verifica dello stato delle infrastrutture che sono state oggetto degli interventi di manutenzione.

OGGI VI AFFIDATE per l’ennesima volta A CANTONE che dice le nostre stesse cose:

-       appalti assegnati con criteri discutibili

-       manutenzioni carenti

-       predilezione alla grandi opere ed anche queste mal fatte.

Chiediamo quindi di entrare nel merito dei problemi invece di un balletto di nomine che girano sempre intorno al triangolo amoroso tra INCALZA (in galera), LUPI (l’uomo caduto dalle nuvole) ED IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI TURNO.

Ma in ogni caso, per chi fa finta di non sapere, quello dei giorni scorsi è l’ennesimo crollo, puntualmente portato all’attenzione del governo centrale e regionale dal Movimento 5 Stelle:

-       l’ultima in ordine cronologico, ha origini storiche, una frana che ha avuto inizio nel lontano 2005 a Caltavuturo e da allora ha percorso oltre un chilometro e nessun intervento di contenimento – nonostante ripetute perizie geologiche, appelli dei Comuni e lettere ad Assessorati e Protezione Civile

-       lo scorso 30 dicembre, a soli dieci giorni dalla sua inaugurazione, ha ceduto il viadotto Scorciavacche sulla Palermo-Agrigento per carenze strutturali

-       il 7 luglio 2014 era stata la volta del viadotto Petrulla (crollo di una campata imputabile ad una rottura delle travi in cemento armato) lungo la strada statale 626 tra Licata e Canicattì.

-       il 28 maggio 2009 è crollato il viadotto Geremia II in località Butera sulla Gela-Caltanissetta, ad appena tre anni dall’inaugurazione (allora si parlò di calcestruzzo depotenziato)

-       il 2 febbraio 2013, il crollo del viadotto sul fiume Verdura lungo la strada statale 115 tra Ribera e Sciacca.

Solo per non dimenticare ecco di seguito gli ultimi articoli sul tema:

CORRIERE_DELLA_SERA_14-04-2015

repubblica 14 aprile 2015

 

Views: 374 | Added by: HAL | Rating: 0.0/0
Numero Commenti: 0
avatar
The Freedom Movement © 2013-2019
Free web hostinguCoz