Mercoledi, 17 Lug 2019, 23:47
Welcome Guest | RSS
 
Home DMCA Copyright Disclaimer BlogIscrivitiLog InSupport Ticket
Blog » 2015 » Maggio » 18 » Sanita' Marche: sfatiamo il mito della Regione virtuosa - #M5S
18:57
Sanita' Marche: sfatiamo il mito della Regione virtuosa - #M5S

Dall’interessante conferenza sulla sanità organizzata dal M5S all’ASTEA sono emersi due fatti inconfutabili:

 

-        le Marche non sono assolutamente una regione virtuosa in materia di sanità;

-        nelle Marche si sta facendo a pezzi la sanità pubblica (il caso dell’Ospedale di Osimo è emblematico) per favorire quella privata, negando di fatto il diritto universale alla salute sancito dall’Art. 32 della nostra Costituzione. In un prossimo futuro, che per qualcuno è già presente, soltanto chi avrà i soldi per poterselo permettere, potrà curarsi: gli altri si dovranno arrangiare!

Il quadro tracciato dall’ospite d’onore della serata, il Dott. Roberto Amici, ex-Presidente del Tribunale della Salute, è stato chiaro e spietato quanto i numeri e i dati statistici sui cui si basa: le liste di attesa per le visite specialistiche e gli esami strumentali sono interminabili, tanto da costringere il cittadino a rivolgersi alla sanità privata, pagando di fatto due volte! Gli esempi sono innumerevoli: 10 mesi in media di attesa per una mammografia; quasi 6 mesi per una risonanza magnetica al cervello; ben 76 giorni per un visita cardiologica e 70 per una oncologica. Non stiamo parlando di un raffreddore, ma di visite indispensabili per prevenire i rischi di infarto e di tumore! Cosa può succedere al paziente nel frattempo?!

Eppure gli obblighi sanciti dalla delibera della Giunta regionale n. 1040 del 2011 che stabiliscono il “Piano regionale di governo delle liste di attesa” sono chiari: se i tempi delle prenotazioni al CUP regionale sono più lunghi di quelli prescritti dalla classe di priorità indicata dal medico di famiglia nell’impegnativa, il cittadino ha il diritto di rivolgersi ad un medico o ad una struttura privata accreditata-convenzionata, pagando soltanto il ticket, (sempre se dovuto). Il resto è posto a carico della struttura pubblica.

Purtroppo i cittadini sono spesso ignari di questo loro diritto e i medici generici non fanno adeguata informazione, così come la Regione, né le strutture private accreditate. Esiste quindi un diritto del cittadino e un dovere da parte delle strutture sanitarie pubbliche e private, ma al momento entrambi sono lettera morta.

 

Proprio per questo il M5S di Osimo ha presentato una mozione in consiglio comunale che impegna il Sindaco a promuovere una campagna informativa efficace ed adeguata, utilizzando se possibile anche i mezzi di diffusione delle attività del Comune (es. siti web, rete civica, ecc…) ed eventuali iniziative pubbliche di divulgazione.

Noi del Movimento 5 Stelle da parte nostra continueremo la nostra opera di informazione, organizzando nei quartieri osimani nuovi convegni col Dott. Amici, per rendere sempre più consapevoli i cittadini dei loro diritti.

 Movimento 5 Stelle Osimo

Category: Natura, Ambiente, Salute | Views: 621 | Added by: HAL | Rating: 0.0/0
Numero Commenti: 0
avatar
The Freedom Movement © 2013-2019
Free web hostinguCoz